Archivi tag: applet

Trova le coordinate del sommergibile

Un bel giochino costruito con GeoGebra vi insegna ad utilizzare le coordinate del piano cartesiano per individuare la posizione di un sommergibile.

sommergibile

 

Utilizzate il cursore per trovare il valore dell’ascissax”, quando vedrete inquadrato nel mirino il sottomarino dovrete  trovare il valore dell’ordinatay”.

Per poterlo utilizzare più comodamente vi consigliamo di aprirlo a schermo intero, cliccando qui.

Impara la chimica costruendo gli atomi

I simboli che rappresentano gli atomi seguono alcune semplici convenzioni.

Ad esempio se abbiamo:

atomo2

La lettera “H” rappresenta il nome dell’elemento idrogeno, il numero rosso in basso a sinistra indica il numero atomico ovvero il numero di protoni, quello nero in alto a sinistra è il numero di massa ovvero la somma di protoni e neutroni, in questo caso avremo 1 protone + 1 neutrone. Infine il “-1” alto a destra colorato in blu, indica se l’elemento è uno ione, cioè se gli elettroni sono in numero diverso da quello dei protoni. In questo caso “-1” indica che abbiamo 1 elettrone in più rispetto all’unico protone.

Tutto questo viene visualizzato con questa figura:

atomo3

che rappresenta uno ione negativo di idrogeno.

Per aiutare i nostri studenti ad impratichirsi nella scrittura di questi simboli esiste un bellissimo strumento interattivo, con tanto di gioco e punteggio, realizzato in Java. (la versione in HTML5 non è ancora stata tradotta in italiano).

Cliccate sull’immagine per lanciare il gioco.

Strumento per diagnosticare la dislessia

Questa mattina Radio 3 Scienza si è occupata di un D.S.A. (disturbo specifico dell’apprendimento) che colpisce circa il 5% dei nostri studenti: la dislessia.

Come sapete questo disturbo neurobiologico rende difficile la lettura e la comprensione dei testi scritti.

La correlazione tra dislessia e disturbi della visione è nota da circa trent’anni, ma non era ancora chiaro se un disturbo fosse causa dell’altro o viceversa.

Dyslexia

Recentemente il ricercatore Simone Gori (associato di psicologia generale all’università di Bergamo e consulente scientifico presso L’IRCCS "Eugenio Medea" di Bosisio Parini (LC)) ha evidenziato come un particolare e misurabile deficit visivo sia la causa, nella maggioranza dei casi studiati, di una più o meno grave forma di dislessia. (vedi articolo pubblicato su Cerbral Cortex)

Durante la trasmissione è stato spiegato in cosa consiste questo strumento diagnostico.

Si tratta di una serie di pallini (un migliaio) che si muovono in modo casuale sullo schermo. Tra questi, solo una piccola percentuale si muove in una direzione definita (alto, basso, destra o sinistra).

Il bambino deve riconoscere la direzione verso cui si muovono questi pochi pallini.

Il fatto che i soggetti dislessici avessero bisogno di un numero maggiore di pallini non casuali era già noto, ma lo studio di Gori, effettuato con bambini non ancora scolarizzati, ha chiarito come questa difficoltà nel percepire il movimento fosse la causa e non l’effetto della dislessia.

dots

L’importanza di questo studio risiede nel fatto che è possibile fornire una diagnosi precoce della dislessia, addirittura prima che il bambino abbia iniziato a leggere e scrivere.

Dopo aver ascoltato questa puntata di Radio 3 Scienza, siamo andati subito a cercare in rete questo strumento diagnostico.

Lo abbiamo rintracciato nel sito dell’Università di Edimburgo e si chiama:  Coherent Motion Detection Toolkit

(Poiché si tratta di un tool sviluppato in Java, il suo utilizzo non è molto semplice. Se qualcuno fosse interessato ai dettagli relativi all’installazione e alla visione sul proprio pc, lasci un commento)

Naturalmente questo tipo di test va gestito da persone competenti, ma riteniamo sia utile provare personalmente ad individuare quali sono i pallini che si muovono in modo regolare.

Qui sotto abbiamo registrato una sessione di esempio con questi parametri: pallini totali 1.000, pallini che si muovono in una direzione costante: 100.

Siete in grado di dire quale sia la direzione costante?

Per approfondire, ascoltate l’intero podcast della trasmissione.