Comunicato AniMAT sulle prove di matematica alla maturità

Invitiamo a divulgare tra i colleghi di matematica, e non solo, questo comunicato dell’Associazione nazionale insegnanti di matematica.

COMUNICATO DI ANIMAT

SULLE PROVE DI MATEMATICA ALL’ESAME DI STATO

Alla vigilia della prova scritta di Matematica all’esame di Stato di Liceo scientifico l’Associazione Nazionale degli Insegnanti di Matematica (ANIMAT) rileva che anche quest’anno tali prove saranno ancora e di nuovo un “terno al lotto”.

Esse sono basate su programmi obsoleti (risalenti al 1945) o eccessivamente vasti (come nei corsi sperimentali). Ma il problema non è solo questo: le prove degli ultimi anni sono state talvolta in contraddizione con le indicazioni dei programmi stessi, inducendo disorientamento in docenti e studenti e anche estese forme di protesta.

Le prove, infatti, non sono vincolate a competenze chiare e definite e sono soggette a modalità di valutazione eccessivamente difformi, sul piano nazionale e locale, come già attestato da recenti ricerche e contrariamente a quanto avviene in altri Paesi europei.

è particolarmente grave che in un Paese quale il nostro, affetto da uno storico deficit di conoscenze matematico-scientifiche, la più importante prova di Matematica dell’esame di Stato si svolga in forme così approssimative, tali da non certificare, confrontare e premiare i reali livelli di conoscenza e competenza.

ANIMAT auspica che, fin dal prossimo anno, i docenti e gli studenti siano messi nella condizione di poter arrivare in modo più adeguato alla prova scritta di matematica, che cioè sia resa possibile una conduzione didattica più efficace e una valutazione più realistica e uniforme della preparazione degli studenti all’Esame di Stato.

A tale proposito ANIMAT ribadisce le proprie richieste:

  1. Che il MIUR, entro luglio 2009, pubblichi sul suo sito e invii alle scuole con indirizzi di Liceo scientifico un Syllabus che indichi con chiarezza quali sono le conoscenze e le competenze matematiche richieste per le diverse prove d’esame. è infatti assolutamente necessario che sia sciolta quanto prima l’attuale incertezza, inaccettabile anche dal punto di vista normativo, circa i contenuti della prova d’esame.
  2. Che il MIUR, prima dell’inizio del prossimo anno scolastico, definisca una nuova struttura della prova scritta di matematica “
    pubblicandola sul sito e comunicandola alle scuole ” che contenga una esplicita indicazione dei punteggi massimi da attribuire alle singole parti rendendo così più oggettiva e confrontabile la autonoma valutazione da parte delle Commissioni d’Esame
  3. Che sia permesso l’uso di strumenti di calcolo grafici e simbolici, a partire dagli esami del 2010 e almeno per i Licei scientifici a indirizzo informatico, e che ciò sia comunicato tempestivamente, prima dell’inizio del prossimo anno scolastico.

    23 giugno 2009ANIMAT, Osservatorio sugli esami di Stato:

    Walter Maraschini (presidente@animatinrete.it; 3494495306)

    Mariangela Chimetto (chimetto@liceoquadri.it)

    Luigi Tomasi (luigi.tomasi@unife.it)

    Per aderire a questo documento inviare una e-mail a presidente@animatinrete.it specificando

    Nome e Cognome, Scuola di appartenenza, Comune, Provincia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *